Comune di Olbia

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Notizie dalla Città Posata la prima pietra dell’Associazione C.A.S.A.

Posata la prima pietra dell’Associazione C.A.S.A.

E-mail Stampa PDF
casahomeMalgrado la pioggia, questa mattina, hanno partecipato in tanti alla posa della prima pietra della nuova sede dell'associazione C.A.S.A., presieduta la Maria Antonietta Scanu. La breve cerimonia, alla presenza del Vescovo Mons. Sebastiano Sanguinetti e del sindaco Gianni Giovannelli, si è tenuta in via Bazzoni-Sircana in località Tannaule, vicino al nuovo Ospedale Giovanni Paolo II.


casa02Qui sorgerà la struttura che accoglierà i malati oncologici e i loro familiari, provenienti non solo da Olbia ma da tutta la Gallura. Dopo la benedizione impartita dal Vescovo, il sindaco ha ringraziato tutte le volontarie dell'associazione C.A.S.A. che, nell'arco di 12 anni, è cresciuta moltissimo; il Consiglio comunale di Olbia che ha messo a disposizione il terreno; l'ing. Giampiero Mura che, a titolo gratuito, ha realizzato il progetto dell'edificio; l'impresario Roberto Piazza per la sua generosa disponibilità e il consigliere comunale Pietrino Marras per il suo costante impegno nel ruolo di delegato ai rapporti con le associazioni di volontariato. Presenti alla cerimonia numerosi rappresentanti del mondo del volontariato, delle istituzioni e delle forze dell'ordine. Emozionata la presidente dell'associazione C.A.S.A., Maria Antonietta Scanu che ora confida nell'aiuto e nel sostegno delle istituzioni e dell'intera comunità per riuscire a realizzare la nuova sede il cui costo è quantificato intorno ai 700mila euro.


casa03La struttura si svilupperà su una superficie di 470 metri quadri al piano terra e 380 metri quadri al piano superiore. E' stata concepita per rispondere a tutte le esigenze, per l'accoglienza sia breve, sia prolungata, dell'associazione che, nel corso degli anni, ha aumentato il numero dei servizi offerti. Sono previsti 3 ambulatori (complessivamente 80 m2) per l'assistenza medica; i servizi amministrativi occuperanno una superficie di 75 m2; 55m2 sono riservati alla zona cucina e lavanderia; il soggiorno sarà di 95 m2. Il piano terra ospiterà tre stanze (complessivamente 95 m2), ognuna con il suo bagno. Al primo piano ci saranno altre 6 camere con bagno per complessivi 160 m2 e un salone di 140 m2. "L'amministrazione comunale continuerà a sostenere concretamente questa iniziativa - ha ribadito il sindaco Giovannelli - coinvolgendo anche le altre istituzioni e le imprese locali per il raggiungimento di un obiettivo importante per l'intero territorio".


casa01Attualmente il Centro, nato 12 anni fa, è operativo nella sede di via Borromini n°20, dietro il vecchio ospedale. Oggi conta 42 socie volontarie più 100 iscritti. Nella sede vengono ospitati soprattutto ammalati che praticano terapie di lunga durata e non vogliono o non possono viaggiare tutti i giorni. In sede si può restare in attesa di referti o di terapie, in compagnia delle volontarie disponibili anche ad accompagnare gli ammalati dalle loro abitazioni all'ospedale e viceversa, oppure negli ambulatori specialistici. I soci si occupano di tutte le pratiche burocratiche (esenzione e pagamento ticket, pratiche per l'invalidità, prenotazione analisi ecc.). In sede si fa anche prevenzione del tumore al seno e alla prostata (grazie a visite specialistiche gratuite, a totale carico dell'associazione), linfodrenaggio manuale per le donne operate al seno e ginnastica riabilitativa post-operatoria dei pazienti oncologici. E' possibile, inoltre, avere un supporto psicologico per i pazienti oncologici e i loro familiari. Da segnalare il sostegno finanziario della fondazione internazionale Komen relativamente ai trattamenti di fisioterapia e psicologia (25mila euro in 3 anni).
 

Ansa - Top News

Rendi la cartella cache scrivibile.

Agenzia Italia - Cronaca

Rendi la cartella cache scrivibile.

Ansa Sardegna

Rendi la cartella cache scrivibile.