Comune di Olbia

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Notizie dalla Città Al via il festival Emmas

Al via il festival Emmas

E-mail Stampa PDF
emmashomeHa preso il via, ad Olbia, la ventunesima edizione di "Emmas", preceduta dal grande successo di tre concerti natalizi: il primo organizzato dall'Unione Sarda nella Chiesa di San Paolo, il secondo, sempre a San Paolo, diretto dal Maestro Tonino Delitala e il terzo, promosso dalla "Associazione gallurese amici della lirica" nel foyer del Museo.


emmas01Tornando ad "Emmas", il festival di musica etnica ideato ed organizzato dall'associazione Musicultura Sardegna sotto la regia dei Cordas et Cannas, quest'anno è intitolato «La terra si rivolta». Nel segno dell'attenzione all'ambiente le quattro serate tra Olbia e Padru. "Un clima ormai impazzito sconvolge anche i ritmi della terra - hanno spiegato gli organizzatori - i cicli di semina e raccolta non obbediscono più a tempi che sembravano immodificabili. Anche la musica può rappresentare un efficace strumento di sensibilizzazione grazie al coinvolgimento di artisti consapevoli e impegnati per la salvaguardia dell'ambiente". Ad aprire la rassegna, nell'Aula Magna dell'Università, all'aeroporto di Olbia, sabato 26 dicembre, è stato Andrea Ferroni, artista torinese tra i più rinomati suonatori italiani di didjeridoo, l'antico strumento a fiato degli australiani aborigeni. A seguire le Balentes, il quartetto femminile di Cagliari, da anni sulla scena in rassegne isolane e nazionali. A chiudere l'appuntamento di Santo Stefano, il Salvatore Maiore Trio. Domenica 27 dicembre l'appuntamento di Emmas, sempre al "Costa Smeralda" è con Alberto Balia, chitarrista di Santadi, che si esibirà con il collega sudafricano Tony Cox. Poi il Duo Flamengo, che vede suonare insieme il chitarrista gallurese Dario Piga e la spagnola Eva Pinero Mesa. Chiusura con i Tenores di Oniferi «Santa Rughe».


La serata di lunedì 28 dicembre vedrà ancora sul palcoscenico Andrea Ferroni, seguito da Beppe Dettori, la voce dei Tazenda, che presenterà il progetto «Kapajanca», e da Fleurs du Mal, storica rock band capitolina. Martedì 29 dicembre la carovana di Emmas si trasferirà al Centro polivalente di Padru, dove si alterneranno sul palco i Cordas et Cannas, Beppe Dettori, Tenore di Oniferi, Tenore di Padru, Andrea Pisu. Il biglietto d'ingresso alle prime serate è di tre euro (col parcheggio gratuito interno all'aeroporto), mentre per la serata finale, a Padru, l'ingresso è libero. Anche quest'anno "Emmas" ha attivato due seminari aperti a tutti gli interessati e gratuiti. Due momenti di incontro conviviale conviviale e formativo che offrono la possibilità di conoscere le tecniche e le caratteristiche di strumenti naturali come la voce, il didjeridoo. Il primo, «La voce di sé e del circostante", condotto da Tomasella Calvisi, è uno studio sulla voce attraverso il respiro. Il secondo, «Radici Folk Anima Moderna» con Andrea Ferroni, studia strumenti come didjeridoo, scacciapensieri, flauto armonico, beatbox e didjeridoo, primitivo flauto utilizzato dagli aborigeni millenni prima di Cristo. I corsi si svolgono dal 26 al 28 (10-13, 15-18), il primo al parco del Padrongianus, il secondo in aeroporto. A fare da corollario la proiezione di due video, uno sul Padrongianus e l'altro sulle zone deturpate intorno a Porto Torres, quest'ultimo diretto da Leonardo Boscani. Da non perdere anche un altro appuntamento con la musica di qualità: Jazzin'Olbia martedì 29 dicembre al Museo Archeologico con i chitarristi Gabriele Deiana e Giancarlo Bianchetti (alle ore 20,30, ingresso libero). Intanto cresce l'attesa per il concerto gratuito di Laura Pausini che, la notte del 31 dicembre, si esibirà sul grande palcoscenico allestito al Molo Brin.
 

Ansa - Top News

Rendi la cartella cache scrivibile.

Agenzia Italia - Cronaca

Rendi la cartella cache scrivibile.

Ansa Sardegna

Rendi la cartella cache scrivibile.