Comune di Olbia

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Comunicati Stampa Notte Nuragica - fusioni sotto le stelle

Notte Nuragica - fusioni sotto le stelle

E-mail Stampa PDF

Comunicato Stampa

Notte Nuragica - fusioni sotto le stelle

Venerdì 8 settembre dalle 19.30 alle 23 presso il Museo Archeologico di Olbia si terrà “Notte Nuragica – fusioni sotto le stelle”.

L'evento, gratuito per tutti i partecipanti, si inserisce nell'ambito delle iniziative collaterali di Nuragica, la grande mostra che fa rivivere in maniera innovativa l'epoca dei nuraghi, un emozionante viaggio nel passato attraverso la realtà virtuale immersiva.
In questa speciale occasione l'artigiano nuragico Andrea Loddo, si cimenterà nella fusione del bronzo e nella realizzazione di alcuni bronzetti con metodi antichi.
Così commenta l’Assessore alla Cultura Sabrina Serra: «Si tratta di un evento nell’evento che contribuirà a calare gli spettatori nell’affascinante realtà del tempo. Auspichiamo una grande partecipazione sia dei nostri concittadini che dei turisti ancora presenti nella nostra isola».
Nel corso della serata è prevista la partecipazione di alcuni rappresentanti dei territori partner di Nuragica che saranno a disposizione dei visitatori per tutte le informazioni riguardanti i siti archeologici. La serata prevede inoltre uno spazio dedicato alla tradizione sarda con la partecipazione straordinaria del Coro di Nulvi.
In chiusura si terrà la proiezione del film Nuraghes S'Arena, il cortometraggio del regista Mauro Aragoni con protagonista il rapper olbiese Salmo.
La mostra Nuragica proseguirà fino al 19 Novembre. Nuragica non è solo una mostra archeologica ma un vero e proprio percorso narrativo che, grazie all'introduzione di nuovi strumenti di comunicazione, uniti ad un linguaggio semplice e alla presenza di gigantografie e ricostruzioni in scala reale di alcuni dei siti più significativi dell'isola, mira a sollecitarre la sfera emotiva del visitatore che viene letteralmente avvolto dalle immagini e trasportato, anche attraverso l’esperienza della realtà virtuale immersiva, nell’universo della vita quotidiana di 3.500 anni fa.