Comune di Olbia

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Notizie dalla Città Cuochi della Gallura: un esempio di professionalità e generosità

Cuochi della Gallura: un esempio di professionalità e generosità

E-mail Stampa PDF
cuochihomeSi è consumato questa mattina, in Municipio, l'ultimo atto della Festa del Cuoco 2010. Il presidente dell'Associazione Cuochi Provincia Gallura, Cleto Veclani ha consegnato nelle mani di Maria Antonietta Scanu, presidente dell'Associazione C.A.S.A., un assegno di 15mila euro. Una cifra che, aggiunta alle altre donazioni effettuate dai cuochi galluresi alla C.A.S.A., porta a 50mila la somma raccolta, sempre in occasione della Festa del Cuoco. Alla conferenza stampa hanno partecipato anche Giovanni Secchi (Associazione Italiana Sommelier) e Gianni Arrigoni (capo Barman A.I.B.E.S.).



cuochi01Il sindaco Giovannelli e l'assessore Palitta hanno ringraziato Cleto Veclani e tutti gli chef che stanno dimostrando con tante iniziative la loro grande professionalità, amore per il territorio e una generosità davvero ammirevole. La 5^ La Festa del Cuoco, celebrata quest'anno nella rinata Piazza Mercato, nonostante il maltempo, ha accolto migliaia di persone attirate dalla presenza di raffinati maestri cioccolatieri e dalle specialità preparate dagli chef guidati da Cleto Veclani. Ai cuochi della Gallura è andato il ringraziamento di Maria Antonietta Scanu che ha annunciato il prossimo inizio dei lavori per la costruzione della nuova sede dell'associazione C.A.S.A., in località a Tannaule, nei pressi del nuovo Ospedale, su un terreno messo a disposizione dal Comune di Olbia. "Proprio in considerazione di questa esigenza - ha sottolineato l'assessore Palitta - Don Andrea Raffatellu, quest'anno, ha generosamente lasciato l'intera somma all'associazione C.A.S.A. impegnata nella realizzazione della nuova struttura".



cuochi02Questa si svilupperà su una superficie di 470 metri quadri al piano terra e 380 metri quadri al piano superiore. E' stata concepita per rispondere a tutte le esigenze, per l'accoglienza sia breve, sia prolungata, dell'associazione che, nel corso degli anni, ha aumentato il numero dei servizi offerti. Attualmente il Centro, nato 12 anni fa, è operativo nella sede di via Borromini n°20, dietro il vecchio ospedale. Oggi conta 42 socie volontarie più 100 iscritti. Nella sede vengono ospitati soprattutto ammalati che praticano terapie di lunga durata e non vogliono o non possono viaggiare tutti i giorni. In sede si può restare in attesa di referti o di terapie, in compagnia delle volontarie disponibili anche ad accompagnare gli ammalati dalle loro abitazioni all'ospedale e viceversa, oppure negli ambulatori specialistici. I soci si occupano di tutte le pratiche burocratiche (esenzione e pagamento ticket, pratiche per l'invalidità, prenotazione analisi ecc.). In sede si fa anche prevenzione del tumore al seno e alla prostata (grazie a visite specialistiche gratuite, a totale carico dell'associazione), linfodrenaggio manuale per le donne operate al seno e ginnastica riabilitativa post-operatoria dei pazienti oncologici. E' possibile, inoltre, avere un supporto psicologico per i pazienti oncologici e i loro familiari.
 

Ansa - Top News

Rendi la cartella cache scrivibile.

Agenzia Italia - Cronaca

Rendi la cartella cache scrivibile.

Ansa Sardegna

Rendi la cartella cache scrivibile.