Comune di Olbia

  • Increase font size
  • Default font size
  • Decrease font size
Home Notizie dalla Città Al via una campagna straordinaria di sicurezza stradale

Al via una campagna straordinaria di sicurezza stradale

E-mail Stampa PDF
poliziahomeLa polizia locale di Olbia ha pianificato il rafforzamento delle attività di polizia stradale. Al fine di rendere trasparente l'iniziativa, il cui scopo è quello di salvaguardare la sicurezza dell'utenza attraverso la prevenzione, l'informazione e l'accertamento delle condotte di guida pericolose, il Comandante Gianni Serra ha diffuso la seguente nota stampa: "L'attività avrà inizio il 20 ottobre e si concluderà alla fine del 2010.



polizia03Si articolerà in controlli stradali che saranno svolti dal nucleo motociclisti. I controlli di polizia stradale verranno programmati nelle strade del centro urbano considerate a più elevata criticità veicolare e pedonale: via Redipuglia, via Barcellona, Corso Umberto, viale Aldo Moro, via Galvani, via Nanni, via Roma, e in altre strade che saranno individuate nel corso dell'attività. Il controllo dei ciclomotori e dei motocicli in circolazione assumerà un peso dominante. A questo proposito si ritiene imprescindibile verificare il rispetto delle nuove disposizioni legislative che, con riferimento alla succitata categoria di utenti, introducono prescrizioni rigorose. Con specifico riferimento alle caratteristiche dei caschi utilizzabili a bordo dei ciclomotori, appare opportuno sottolineare che dal 12 ottobre 2010 sono stati vietati i c.d. "caschi a scodella" ovvero i caschi omologati DGM. La recente riforma del CdS - legge n.120/2010- ha definitivamente fatto chiarezza su una materia particolarmente delicata e che creava non poche difficoltà agli operatori di polizia stradale nell'attività di controllo.



polizia02Il commercio dei caschi DGM era infatti vietato dal settembre 2001 ma, di fatto, il loro utilizzo a bordo di ciclomotori non era sanzionabile: potevano essere utilizzati a bordo di ciclomotori esclusivamente in Spagna e in Italia. Questo casco non garantisce alcuna sicurezza poiché lascia scoperte ampie zone vitali della testa e non assicura un'adeguata protezione in caso di incidenti stradali. Con l'attuale riforma la conduzione di un ciclomotore con casco DGM è vietata; l'utilizzo del casco DGM assume la medesima portata della guida del veicolo senza casco. Per i responsabili della violazione il legislatore ha introdotto una sanzione pecuniaria che varia nei limiti edittali da 74,00 a 299,00 euro, il sequestro del casco ai fini della confisca e il fermo amministrativo del mezzo per 60 giorni. E' opportuno sottolineare che per chi commercia, importa o produce caschi protettivi per motocicli, ciclomotori o motocarrozzette di tipo non omologato, la sanzione prevista varia da un minimo di 779 euro a un massimo di 3.119 euro. Sanzioni rigorose che sono direttamente proporzionali ai rischi correlati all'utilizzo di un casco assolutamente inadatto per la conduzione di questa categoria di veicoli. A questo proposito appare opportuno ricordare che i caschi conformi alla normativa vigente devono possedere una specifica marcatura. I segni distintivi dell'omologazione sono riportati in un'etichetta che deve essere cucita sul sistema di ritenzione del casco.



polizia01I segni di omologazione si compongono di un cerchio al cui interno è contenuta la lettera E seguita dal numero distintivo del Paese che ha rilasciato l'omologazione, e dal numero di omologazione. I caschi omologati in Italia sono contrassegnati dal codice E3; dopo il trattino è riportato il numero di omologazione. I controlli si estenderanno alle altre condotte di guida prescritte dal legislatore a salvaguardia della sicurezza dei conducenti dei veicoli a due ruote. L'attività di polizia stradale si estenderà, inoltre, al controllo delle condotte di guida dei conducenti degli autoveicoli. Con riferimento a questa categoria di utenti, sarà rivolta grande attenzione al controllo sul corretto utilizzo dei sistemi di ritenuta, sul rispetto del divieto di utilizzare il cellulare in assenza di sistema viva voce o di auricolare, sull'osservanza delle più comuni regole di prudenza. Controlli rigorosi saranno effettuati con l'ausilio dei c.d. pre-test per accertare lo stato psico-fisico dei conducenti dei veicoli."

 

Ansa - Top News

Rendi la cartella cache scrivibile.

Agenzia Italia - Cronaca

Rendi la cartella cache scrivibile.

Ansa Sardegna

Rendi la cartella cache scrivibile.